Li puoi incontrare ovunque e ti rapiscono a colpi di swing, sono i Piaceri Proletari.

"Sottoscala, spartitraffico, cavalcavia, uffici postali, tranvia, lavanderie automatiche, garage sotterranei e non, banche, sale d’aspetto di ogni tipo, autogrill, stazioni ferroviarie, autostazioni, benzinai, stazioni di servizio, treni, autobus, metropolitane, ascensori, sottoponti, argini di fiumi, discariche."

Questi luoghi, apparentemente molto diversi tra loro, sono il palcoscenico che solitamente ospita i Piaceri Proletari, band fiorentina dell'Oltrarno, nata nel 2013, che fin da subito ha coivolto pubblico e critica per la loro disarmante simpatia e creatività musicale.

Sono Giulio Bracaloni e Matteo Torretti che, accompagnati da contrabbaso. sassofono e tromba, mischiano generi, nazionalità che vanno dal primo swing italiano di metà novecento al folk americano.

Sono un bellissimo incontro che puoi fare nei luoghi più disparati e allo stesso tempo più comuni a tutti, io li ho incontrati una mattina in Piazza della Repubblica a Firenze dove hanno fatto un concerto proprio al centro della piazza attirando l'attenzione di tante persone che li ha largamente applauditi.

Eccoli qui ;)


Featured Posts
Recent Posts