Muoviti svelto Zibba, tocca a te! Per la data romana al Quirinetta il cantautore si racconta a deepm

Incontro Zibba verso le 20 di ieri sera dopo il soundcheck prima della sua tappa romana al Quirinetta.

Muoviti Svelto ha quasi un anno ormai, ed è l'ultimo album del cantautore ligure, un mix di suoni molto particolare, arrangiamenti ricercati e testi molto comunicativi; è un album che viene dal viaggio di un anno, dove i testi sono stati scritti in furgone tra una tappa e l'altra o nel camerino di qualche locale.

Ospite a sorpresa per questa data al Quirinetta è Erica Mou.

-Ciao Sergio! Muoviti Svelto è un invito particolare?

Si in realtà è un invito verso me stesso, un monito giornaliero. Perchè credo di aver trovato la chiave per stare a questo mondo, in movimento, nel fare delle cose o nel diventarlo per essere sempre in qualche modo attivo. Viceversa, ho fatto fatica e ne farei, penso sia una cosa importante insomma..

-Ci sono molti ospiti in questo album, Niccolò Fabi in Farsi Male, ma anche Bunna, Omar Pedrini; stai regalando molto di te anche come autore ( penso all'ultimo singolo di Emma piuttosto che Patty Pravo ) la musica è collaborazione?

Si io la intendo in questo modo; da piccolo sono sempre stato affascinato dalle collaborazioni, in Italia da un Dalla e De Gregori che fecero quel tour insieme nei primi anni '80, io ero piccolino e questo fatto che ognuno cantasse un po' la canzone dell'altro e si mischiassero mi piaceva tantissimo. Più avanti, una fotografia bellissima, storia, che ritrae Bob Marley tra Mick Jagger e Keith Richards, fu anche quella, una foto importante, che mi ha fatto capire che la musica è anche qualcosa che va al di la, quindi si, le collaborazioni sono fondamentali! In più quando mi permette di conoscere artisti che mi rimangono nel cuore ancora meglio ecco..

-Queste collaborazioni nascono anche da legami interpersonali o si tratta solo di incontri casuali?

Dipende, a volte nascono da un legame già preesistente, quindi con la voglia di fare qualcosa insieme; a volte il fare qualcosa insieme, anche semplicemente e timidamente chiedendoselo, porta magari poi ad un'amicizia, ad un rapporto.. è bello proprio lo scoprire ogni volta cosa capita di nuovo.

-Tecnicamente parlando, ho trovato questo album molto anni '70, dove si ritrova un'elettronica velata, la stessa che mi richiama un po' il primo Battisti se si vuole.. Hai un rapporto particolare con la musica elettronica?

La sto iniziando ad amare.. Abbiamo registrato in uno studio in Spagna, dove era tutto analogico, utilizzando anche sintetizzatori analogici; poi siamo tornati in studio a post-produrre con cose più moderne e l'utilizzo dei computer. Diciamo che mi sto appassionando di più all'elettronica, che sto producendo in quel senso, sempre pensando ad una band che suona anche dal vivo ma con l'incremento di questo elemento, che se si vuole non è nulla in se, è un concetto, quindi come dici tu a volte può essere anche l'idea dell'elettronica senza che lo sia davvero. In Muoviti Svelto ci sono dei brani dove si ha l'impressione che ci sia dell'elettronica dove poi alla fine non c'è, perchè è tutto un lavoro di editing e di suoni.

Quest'anno solo sul palco, è una versione più acustica?

Non tanto in realtà, perchè è una versione in crescendo, parte da chitarra acustica e voce per arrivare poi a delle sequenze elettroniche sulle quali suono.. poi ho una drum machine ed un microfono dove metto in loop delle cose.. è uno spettacolo abbastanza vario ed ha una sorta di testo con dei piccoli aneddoti che viene recitato e chiacchierato durante il concerto tra una canzone e l'altra.

-Ti vedremo in Toscana?

Sarebbe bellissimo presto, a me manca tantissimo suonare da voi ed ho sempre fatto fatica. Siamo venuti nel tour dell'anno scorso, proprio a Firenze dove ho passato una bellissima serata, ma mi piacerebbe venire più spesso.. Poi la Toscana è cosi vicina a casa mia che mi sembra strano non andarci frequentemente. Sono sempre andato in vacanza in Toscana, è la mia meta preferita dove vorrei vivere, anzi quest'anno abbiamo anche guardato casa dalle vostre parti..

Quindi, non in questo ormai, ma speriamo nel tour estivo di venire a trovarvi con la band, che sto sempre molto bene da voi!

E noi ti aspettiamo..

Grazie Sergio, alla prossima!

il report del concerto qui sotto:


Featured Posts
Recent Posts

© 2023 by PlayPlay. Proudly created with Wix.com