Remo Anzovino, Pasolini e il suo appuntamento con Firenze.

“La dove si sta liberi di dire la verità, per vivere la vita..” è la frase che apre l'incontro con Remo Anzovino, che ci attende in una delle sale del Relais Santa Croce a Firenze.

Lui è un avvocato penalista di Pordenone, classe 76', ma si lascia andare al mondo della musica molto presto, andando a mettere il naso dove lo porta la curiosità, scoprendo un amore per le composizioni per teatro e cinema.

Costruisce un particolare rapporto tra la sua musica ed il cinema muto: nei suoi concerti, infatti, capovolge musica ed immagini, accompagnando colonne sonore a sequenze di film che come se fossero una colonna sonora visiva, cambiando quindi a suo piacere l'aspetto emotivo della pellicola.

Anzovino ha sempre creduto che i luoghi dove sono accaduti fatti importanti per la storia del nostro Paese avessero un suono ben preciso, come quello ascoltato sul Vajont che ispirò 9 ottobre 1963. Suite for Vajont che diventerà poi musica ufficiale in ricordo della tragedia.

Qualche anno dopo, in una notte all'Idroscalo di Ostia, proprio dove fu assassinato Pier Paolo Pasolini, arrivò l'ispirazione. Dopo quella passeggiata nasce, infatti, L'alba dei tram, un progetto musicale per ringraziare uno dei più grandi intellettuali e scrittori del novecento. "L'emozione all'Idroscalo fu forte - dice Anzovino - e per molto tempo mi restò addosso un senso di desolazione, ingiustizia e una tensione creativa a lenire la rabbia con una musica in forma di preghiera".

Dopo aver composto la musica si circonda di artisti di fama internazionale, in primis Giuliano Sangiorgi, a cui affida, data la reciproca stima e l'amore del cantautore salentino per Pasolini, il compito di scrivere il testo, interpretato poi magistralmente dalla voce di Mauro Ermanno Giovanardi. Fanno parte del progetto anche la prima viola de La Scala Danilo Rossi, l'Orchestra d'Archi Italiana, il direttore d'orchestra Stefano Nanni, il produttore giapponese Taketo Gohara, l'attore Lino Capolicchio e il fotografo Dino Pedriali.

Prende, quindi, forma il singolo, pubblicato a fine 2015, 'L'alba dei tram - Canzone per Pasolini'.

Nello spettacolo che porta al Relais Santa Croce a Firenze, il prossimo 11 febbraio, e che ha presentato ai microfoni e alle telecamere di DeepmyBeat.com, Remo Anzovino mette in scena un excursus del suo viaggio musicale, riportando suoni e strumenti legati alla sua grande esperienza creativa.


Featured Posts
Recent Posts

© 2023 by PlayPlay. Proudly created with Wix.com